La fantastica storia di Winter

C’era una volta, nel lontano Polo Sud, una piccola tribù di pinguini,  veramente speciali e con un grande dono, erano tutti dei ballerini provetti.
Una gelida notte di dicembre, mentre fuori nevicava; con dei fiocchi tanto grandi da ricoprire in un baleno l’intera distesa del villaggio, la pinguina Elisabetta, moglie del re Filippo, diede alla luce un gran numero di piccoli.
La mattina seguente il villaggio dei pinguini, appresa la notizia, fu colpito da un sentimento di gioia e fu indetta  una grande festa e  tutti ballarono  e cao felci per tre giorni.
libro3A quelle danze presero parte anche i piccoli appena nati, un po’ impacciati, è vero, ma che mostravano già un gran senso del ritmo.
Solo uno, di nome Winter, un po’ più cicciottello e birichino degli altri, si muoveva in modo goffo, tanto che quando cercava di andare a tempo con la musica, tutti i fratelli e le sorelle lo prendevano in giro.
assarono gli anni, Winter cresceva ma il re e la regina erano molto preoccupati perché il loro figliolo, nonostante le tante lezioni di danza non mostrava alcun miglioramento, mentre i suoi fratelli erano diventati dei veri e propri ballerini.
La gente del villaggio era molto seccata per l’incapacità di Winter. Per anni infatti il prestigioso premio di ballo “tanguin” era sempre stato vinto dalla tribù dei pinguini. Stando così le cose la partecipazione del principe al concorso avrebbe sicuramente segnato una terribile sconfitta.
Fu per questo motivo che la regina Elisabetta e il re Filippo furono costretti ad allontanare Winter per ottenere così per un altro anno il tanto desiderato premio di ballo.
Così il povero pinguino restò solo, ma non si scoraggiò perché era un tipo tenace e si mise subito in cammino determinato a voler conoscere le meraviglie del vasto mondo.
libro4Fu così che, dopo mesi di viaggio, arrivò in treno alla stazione di Lecco e preso il bus si ritrovò a Barzio, davanti alla cabinovia dei Piani di Bobbio.
Il maestro Diego, che è sempre il primo ad arrivare al parcheggio, vide questo insolito animale aggirarsi incuriosito per il Piazzale e subito gli chiese chi era, cosa ci faceva lì e da dove arrivava...
E il pinguino rispose: ”sono Winter, sono arrivato con l’aereo a Milano ma visto che faceva molto caldo, un signore mi ha consigliato di salire quassù ai Piani di Bobbio”.
Nel frattempo erano arrivati anche altri maestri, Elena, Gianmiro, Max e la segretaria e di comune accordo decisero di accompagnarlo sulla cabinovia.
Winter era molto emozionato perché era la prima volta che andava sulla funivia. A dire il vero era anche un pò spaventato, ma dopo un attimo la paura lasciò spazio a una grande felicità per aver trovato nuovi amici.
Arrivati ai Piani di Bobbio, una bella colazione, i maestri, messi scarponi e sci ai piedi, partirono per divertirsi insieme a tanti bambini desiderosi di imparare. Il pinguino invece, rimase sulla neve a guardare il panorama e a giocare. Faceva pupazzi, si buttava a terra facendo mille capriole, ma ben presto si annoiò.
Guardò allora i bambini che facevano lezione di sci e scivolavano giù per i pendii e ridevano come matti e a Winter venne una pazza voglia di imparare a sciare.
Proprio in quel momento, con una curva rapida ed elegante, gli si avvicinò un ragazzo tutto ricciolino dalla faccia simpatica, altri non era che il direttore della scuola di sci, Matteo!
Il nostro amico pinguino non si lasciò sfuggire l'occasione e si iscrisse al suo primo corso di sci. Indossata la pettorina del gruppo degli orsi partì con i maestri Nico, Maci, Luciano, Giosi, Sergio, Daniela e tanti altri giovani sciatori principianti per una nuova, fantastica avventura.
libro5Le prime discese furono davvero faticose! Winter aveva una tale paura che le sue zampe tremavano… e se non fosse riuscito a fermarsi? Ma poi pensò che i suoi amici maestri erano lì, apposta per lui, pronti ad aiutarlo in qualsiasi momento.
Come prima cosa i maestri gli spiegarono lo spazzaneve, che assomigliava ad una fetta di pizza gigante, con le punte vicine e le code lontane. Al primo tentativo Winter non riuscì proprio… le zampe sembravano non seguirlo, gli sci si aprivano al contrario, o uno scivolava via… ma dopo numerosi tentativi... “tac” le zampette si sistemarono e Winter si accorse che, con lo spazzaneve, poteva decidere di fermarsi quando voleva. La paura sparì più velocemente di come era arrivata.
Visto che il pinguino era molto bravo imparò subito anche l’esercizio dell’aeroplanino e tanti altri giochini da fare muovendo le braccia.
Dopo tante belle discese, imparate le curve a spazzaneve, passò ai gruppi successivi: nei camosci imparò ad andare a marcia indietro e conobbe altri maestri come Claudio, Sharon, Diana, Roberto, poi cominciò a fare anche i saltini e con Bruno, Ermanno e Federico volò nel gruppo delle lepri.
Insomma quel tenero pinguino con gli sci ai piedi ci sapeva davvero fare, tanto che in breve tempo, riuscì a passare tutti i livelli: prima quello di bronzo con spazzaneve, virata e curva di base, poi quello d’argento dove imparò ad andare con gli sci paralleli, tenendoli diritti proprio come i binari del treno.
In poco tempo il nostro pinguino passò in un attimo nel gruppo delle aquile, dove andava come una scheggia anche tra i funghetti e i bastoncini; prima una curva a destra e poi a sinistra e di nuovo a destra e via… a tutta velocità rannicchiato a ”uovo”.
Winter era così entusiasta di quello che faceva e aveva una tal voglia di spingersi sempre oltre le sue capacità. I maestri al raggiungimento del livello più alto si inventarono per lui la nomina di pinguino d’oro. Lascio a voi immaginare la gioia del nostro simpatico amico quando fu dichiarato all’altezza di quel titolo… era lui, il “pinguino d’oro”.
Ma Winter si spinse ancora oltre. Insieme al maestro Paolino provò a surfare con lo snowboard proprio come sulla cresta dell’onda del suo mare Antartico, faceva certi salti flip e backflip da brivido.
Poi fu la volta del telemark con Maurizio e Giovanni, mostrava una tal eleganza nello sfiorare con il ginocchio la neve… per non parlare di come galleggiava in neve fresca con Paolo, i due cercavano canali mozzafiato, discese da urlo e poi giù a tutta velocità. Non contento si diede anche allo sci di fondo con Peppino, anche quel tipo di sciata gli piaceva, lo teneva bene in allenamento.
Dopo poco tempo frequentando questo piccolo comprensorio era diventato un super campione. Vinceva tutto e dentro di sé pensava: ”altro che tanguin, dovrò insegnare anche ai miei fratelli a sciare!”.
Il pinguino venuto da tanto lontano aveva finalmente trovato uno sport nel quale era veramente portato, si sentiva felice e sapeva che anche i suoi genitori sarebbero stati orgogliosi di lui. Ogni mattina Winter si presentava indossando il suo berretto rosso, gli occhiali da sole, gli scarponi e gli sci, dava un saluto veloce a tutti i suoi amici e poi via, inarrestabile sulle piste. Le prime volte si dedicava solo alle piste Fortino e Chiesetta poi, piano piano, provò le piste Pesciola e Camosci, fino a fiondarsi, con dei gran curvoni giù per Valtorta e Orscellera. Quando fu davvero esperto, dopo una bella nevicata abbondante, non vedeva l’ora di trovare piste alternative in neve fresca. Tutta la sua passione si esprimeva su quel manto bianco e quando sciava veloce, si sentiva libero e invincibile, era proprio un’esplosione di gioia. Sono passati diversi anni da quell’incontro sul piazzale della funivia e da allora Winter è diventato parte della squadra dei maestri e mascotte della scuola di sci Barzio Piani di Bobbio. E se venite a trovarci è facile incontrarlo sulle piste a sciare con noi!


libro8

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sull'uso dei cookie

Il sito www.scuolascipianidibobbio.it utilizzano cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da www.scuolascipianidibobbio.it e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi.

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine “cookie”.

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:

Cookie strettamente necessari: Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito www.scuolascipianidibobbio.it e sono utilizzati per gestire il login e l'accesso alle funzioni riservate del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di lavoro (chiuso il browser vengono cancellati), ad eccezione del sito www.scuolascipianidibobbio.it dove si utilizzano cookie di durata più lunga volti a riconoscere, per tale limitato periodo, il computer del visitatore - attraverso un codice alfa-numerico generato alla prima sessione di accesso - in modo da riproporgli il risultato del test effettuato dall'utente. La loro disattivazione compromette l'utilizzo dei servizi accessibili da login. La parte pubblica del sito www.scuolascipianidibobbio.it resta normalmente utilizzabile.
Cookie di analisi e prestazioni: Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.
Cookie di profilazione: Si tratta di cookie permanenti utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione. Il sito www.scuolascipianidibobbio.it non utilizzano cookie di questo tipo.

Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei “social plugin” per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.

La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento.
Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics

I siti AlmaLaurea includono anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).

Google Analytics utilizza i "cookie" per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo Il sito www.scuolascipianidibobbio.it (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori di www.scuolascipianidibobbio.it riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l'indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l'identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:
https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie “sopravvivono” alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.
Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.
Il sito www.scuolascipianidibobbio.it in relazione a cui le informazioni sono memorizzate esclusivamente per finalità tecniche, non fa uso di cookie persistenti.
Tuttavia, navigando sulle pagine dei siti web AlmaLaurea, si può interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

Gestione dei cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.
Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie.
La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.
A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT